Google Chrome e AdBlock

Google Chrome e AdBlock: cosa succederà nel 2018?

Inutile dirlo: ci sono tantissime pubblicità che ci infastidiscono e, a quanto pare, non vanno a genio neanche a Google. Infatti, è da un po’ che si parla di Chrome e AdBlock, una futura coppia pensata per offrire ancor più qualità agli utenti e una migliore esperienza di navigazione. Recentemente, è stato confermato che accadrà: il browser del più famoso motore di ricerca inizierà a bloccare la visualizzazione di alcune pubblicità, già dal mese di febbraio. Sembra che saranno solo gli annunci pubblicitari “più invadenti” a fare una “brutta fine”, ma andiamo a scoprire qualcosa in più a riguardo.

Dall’idea alla data ufficiale

Già nel mese di giugno 2017, Google decise di iniziare a far parte della Coalition for Betters Ads. Ti stai chiedendo se si tratta proprio di una “coalizione” per avere degli annunci pubblicitari migliori? Sì, esatto, ed è una realtà che nasce con l’intento di rendere la navigazione online più serena e non troppo compromessa dalle pubblicità che infastidiscono e invadono gli schermi dell’utente.

Decidendo di farne parte, il motore di ricerca non poteva fare altro che agire sul serio o, altrimenti, non avrebbe avuto senso. Così, da Mountain View annunciarono che il loro browser Chrome avrebbe avuto ben presto una nuova funzione integrata: quella dell’ad-blocker.

Naturalmente, bloccare le pubblicità sul browser di Google è già possibile grazie ad alcune estensioni (come Adblock plus, la più usata), ma l’azienda fondata da Larry Page e Sergey Brin ha voluto fare di più. Recenti notizie affermano che Chrome avrà il suo AdBlock a partire dal 15 febbraio 2018 (qui la notizia ufficiale). Da questa data, sarà disponibile la definitiva versione 64, che dovrà già essere stata rilasciata entro il 23 gennaio 2018. La versione 65 sarà invece disponibile dal 6 marzo.

Quali annunci pubblicitari verranno bloccati?

Mentre la maggior parte dei software, delle estensioni e degli eventuali plugin (utilizzati attualmente per bloccare le pubblicità) bloccano proprio tutto, la soluzione di Google è diversa, più equilibrata e molto più selettiva.

Infatti, l’AdBlock di Chrome verrà abilitato da remoto, presentandosi come un supporto nativo, e, quasi certamente, inizierà a bloccare le pubblicità invadenti in maniera progressiva. Naturalmente, non verranno bloccate tutte le ads, ma solamente quelle che non rispetteranno gli standard previsti dal Better Ads Experience Program. Quindi, chi ha dei “tranquilli” banner, non invasivi e non fastidiosi, in giro per il web non dovrebbe preoccuparsi. Tuttavia, leggere il programma non sarà di certo una cattiva idea! (È disponibile sul sito BetterAds.org nella sezione dedicata.)

Eliminando solamente le pubblicità che non rispettano gli standards di Coalition for Betters Ads, Google potrà rendere la navigazione dei suoi utenti molto più piacevole, senza esagerare: darà un certo freno a quella che ad oggi è l’incredibile quantità di ads che ci vengono mostrati sul browser. Da Mountain View, affermano inoltre di essere al lavoro per fare in modo che gli editori riescano a rispettare gli standards previsti, in modo da non mettere a rischio neanche le entrate pubblicitarie dello stesso Google.

Google Chrome e AdBlock: cosa succederà nel 2018?
Ancora nessun voto

Avatar for Susanna Soliman

Susanna Soliman

Scrittrice, copywriter e mamma a tempo pieno. Scrivo per passione, leggo per crescere e vivo di parole. Il mio motto è: #Love, #Live & #Write.
Avatar for Susanna Soliman
Nessun Commento

Lascia un commento...

Commento
Nome
Email
Sito web

Sito web vecchiotto o invisibile su Google?

30 MINUTI DI CONSULENZA SEO GRATIS

Inserisci i tuoi dati per richiedere un'analisi GRATUITA del tuo sito web.
OK, VOGLIO LA CONSULENZA
Prima di inviare il modulo consulta la nostra informativa privacy.
close-link

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Niente spam o pubblicità, solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te. Che aspetti? Iscriviti ora!
close-link

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull'uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Con la prosecuzione della navigazione oltre questa informativa acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la nostra informativa cookie.

Altro in: advertising, Chrome
pubblicità online
Pubblicità online che converte: missione impossibile ?

Chiudi