Il blog: informare, fidelizzare e aumentare i clienti

importanza del blog

Il blog: informare, fidelizzare e aumentare i clienti

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Stai pensando a come aumentare il numero dei tuoi clienti? Domanda legittima, anzi doverosa, che ogni imprenditore e professionista ha il dovere di farlo. Per riuscirci ci sono diverse strategie e una di queste passa dalla costruzione e sviluppo di un blog. Non ci credi? Vediamo insieme un po’ di cose.

Cos’è il blog

Con l’evoluzione di internet molte categorie si sono assottigliate e le definizioni sono meno categoriche, ma possiamo comunque distinguere diverse tipologie di siti internet. Ci sono siti aziendali, e-commerce, siti dedicati all’intrattenimento, siti di ricerca e, appunto, i blog. Il termine originario fa riferimento al diario in rete (web log) e nasce nel 1997 quando internet era agli inizi e molto, molto, diverso da oggi.

Nonostante siano passati più di venticinque anni il blog è ancora oggi uno strumento efficace non solo per chi si diletta a condividere riflessioni e articoli di vario tipo (anzi, forse oggi non è neanche più la piattaforma ideale per questo tipo di contenuti). Si tratta infatti di una piattaforma web, che può essere una parte del sito aziendale, tramite il quale comunicare con i propri clienti e con quelli potenzialmente tali.

Questo perché il blog è una realtà dinamica (e non statica come i siti web) i cui contenuti rispondono a diverse esigenze, prevalentemente quelle di intercettare (e rispondere) gli interessi del proprio target di riferimento. Ovviamente non è sufficiente pubblicare un contenuto sul blog per essere travolti dalle richieste di contatto o dagli acquisti e c’è bisogno di investire sulla SEO, sulla promozione dei contenuti, sul marketing e su tutti gli altri canali grazie ai quali attirare traffico.

Possiamo però definire il blog un volano, ovvero quel componente meccanico che consente di far girare il motore; uno strumento, quindi, con il quale far girare correttamente il proprio business. Non ci credi? Sto esagerando? Continuiamo ad approfondire.

I vantaggi di avere un blog

Entriamo nel vivo analizzando alcuni dei principali vantaggi di avere un blog e in modo particolare un blog aziendale. Se ti dicessi che il blog aziendale può essere utile per:

  • farsi conoscere e promuovere prodotti e servizi;
  • migliorare la reputazione e l’autorevolezza;
  • creare una community qualificata;
  • acquisire potenziali clienti/concludere vendite;

penseresti ancora che esageravo quando lo definivo uno strumento utile per far funzionare il tuo business?

Infatti con un blog costantemente aggiornato e con contenuti di qualità (sì, questo è uno dei requisiti imprescindibili) si promuove innanzitutto la propria realtà aziendale. Come? In tutti i modi in cui lo ritieni opportuno. Questo è uno dei segreti del successo dei blog: non sono statici e non rispondono a regole troppo fisse. Anche nel tipo di linguaggio e format utilizzato puoi variare passando dall’articolo classico alla presentazione di un prodotto/servizio passando per la recensione e l’intervista prevedendo anche di integrare diverse forme di contenuto (non solo testuale ma anche video, infografiche e audio).

Facendoti conoscere puoi iniziare un nuovo business, ma anche investire in uno già radicato nel territorio pensando di ampliarne i confini sfruttando le potenzialità del digitale. Il blog si rivolge a tutte le tipologie di aziende ed è utile sia per una comunicazione commerciale (B2C) che per una professionale (B2B) con la quale sviluppare anche importanti partnership e collaborazioni.

Tutto questo, quindi, si concretizza anche nel miglioramento della reputazione e autorevolezza. Dando informazioni, spiegando e analizzando le caratteristiche e i benefici di un prodotto e servizio si riesce a convincere l’interlocutore che si ha davanti. Inoltre sviluppando strategie di comunicazione adeguate (promozione sui social network, ADS, SEO, newsletter, eccetera) i contenuti del blog possono essere veicolati verso persone realmente interessate. Non un generico ‘urlare più forte’ ma un offrire contenuti validi a chi è interessato a usufruirne.

Tra le particolarità de blog c’è la sua identità informale per cui qualsiasi azienda può entrare in contatto con i propri clienti. Questo significa che si possono ottenere feedback utili per migliorare (sia il core business che la comunicazione stessa) ma, soprattutto, potenziali lead. Partecipando alle discussioni e commentando in maniera intelligente si risponde puntualmente a ogni necessità e si riesce a creare una community viva, vivace e motivata.

Un’azienda che ci mette la faccia, che spiega, illustra e si relaziona con il pubblico di riferimento è un’azienda che merita di essere ascoltata. E, quindi, una dalla quale acquistare i prodotti e i servizi che vende. Tramite il blog, se previsto un e-commerce collegato, si possono concludere anche vendite contribuendo a incrementare gli introiti.

Insomma, un insieme di potenzialità niente male. Certo, ripetiamolo, non basta aprire un blog per avere tutto questo (anzi, senza analisi di mercato, investimenti e risorse di qualità si potrebbe ricevere un effetto contrario). Però non cogliere queste opportunità potrebbe essere un vero e proprio spreco.

Le caratteristiche essenziali che deve avere un blog: consigli per il successo

Ok, bello tutto, ma quindi? Che si fa? Come deve essere il blog per essere di successo? Chiediamo all’intelligenza artificiale di procedere per noi andando poi a fare un semplice copia e incolla? No, ovviamente (e il problema non è nel ricorso all’intelligenza artificiale, ma nel copia incolla). Un blog per contribuire a costruire il successo deve avere caratteristiche ben precise. Vediamole.

#1 Identificare il proprio pubblico di riferimento

Il blog è una strategia di comunicazione e, come tale, deve essere gestito. Quando si comunica non bisogna pensare solo al modo e a chi comunica ma anche al destinatario del messaggio. Come tutte le attività online è doveroso definire il target di riferimento, l’identikit delle persone a cui ci si rivolge. In questo modo la comunicazione può davvero essere efficace. Sapendo a chi ci rivolgiamo possiamo modificare il tono di voce e realizzare contenuti che queste persone considerino utili.

#2 Mantenere una regolare frequenza di pubblicazione

Non esistono leggi, trucchi e segreti sul “quante volte al giorno/mese/settimana pubblicare”, ma è evidente che una certa regolarità va prevista. Il blog deve essere attivo e vitale; se chi arriva trova che l’ultimo contenuto pubblicato è di tanti mesi (se non addirittura anni) fa è chiaro che si perde in credibilità, autorevolezza e la persona cambia sito. Per una corretta gestione del blog puoi realizzare un piano editoriale e un calendario editoriale condiviso con tutti i collaboratori (copywriter, SEO Specialist, grafico, social media manager, eccetera).

#3 Realizzare contenuti di qualità e pertinenti

Può sembrare ovvio, ma non lo è. I contenuti del blog devono essere di qualità, ovvero essere utili per chi li legge. Altrimenti non avrebbero senso. Bisogna pensare per le persone non per i motori di ricerca; sono gli esseri umani che leggono non il motore di ricerca. E la qualità non si declina solo in pertinenza e utilità ma anche in facilità d’accesso al sito, buona leggibilità, velocità di caricamento e tutti quegli aspetti solo apparentemente “tecnici”.

#4 Utilizzare strategie di promozione

Il blog non vive di vita propria e ha bisogno che quanto pubblicato venga pubblicizzato. Che sia mediante post sui social network, l’invio di una newsletter, lo sviluppo di strategie di link building o partecipando a gruppi Facebook, ogni metodo può essere efficace se coerente con il proprio brand e realizzato con cura e in maniera vincente e intelligente.

#5 Interagire con la community

Spesso i commenti sui blog sono disattivati, non vengono pubblicati o non vi si risponde. Questo modo di fare è un po’ contrario allo spirito dei blog che servono, come abbiamo visto, anche a creare connessione tra azienda, affezionati e potenziali clienti. Lasciare la possibilità di commentare può in alcuni casi essere un rischio, ma è anche un’opportunità per replicare anche a quelli meno pertinenti mostrando un’immagine positiva della propria azienda.

Daniele Di Geronimo
Nessun Commento

Lascia un commento...

Commento
Nome
Email
Sito web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.