migliori green hosting provider

Hosting sostenibile: cosa sono e quali scegliere

L’attenzione verso l’ambiente, il rispetto della natura e il fare scelte ecosostenibili coinvolge anche il web. Non ci credi? Forse perché non hai mai sentito parlare degli hosting sostenibili. Sì, anche lo spazio che utilizziamo per ospitare i nostri siti internet ha un impatto negativo sull’ambiente.

Una realtà che merita di essere conosciuta sia per maturare la consapevolezza di come ogni attività umana ha una conseguenza sulla natura che ci ospita sia per trovare delle alternative, scegliendo un Hosting sostenibile per il proprio sito internet.

Anche il tuo sito ha un impatto ambientale

Per quanto non lo tocchiamo con mano, anche il web occupa spazio fisico. È quello dei data center, ovvero le strutture che ospitano i server, i gruppi di continuità, gli storage, le cabine, i cablaggi e tutte le attrezzature necessarie a garantire il funzionamento dei processi alla base di ciascun sistema informatico, tra cui anche i nostri siti. Per funzionare i data center necessitano della corrente elettrica che viene utilizzata continuamente 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, senza sospensioni. Inoltre, proprio per evitare interruzioni, guasti e problemi, gli ambienti dei data center devono trovarsi costantemente a temperatura controllata. Anche il processo di raffreddamento determina un notevole consumo di energia che si traduce in emissioni di CO2 nell’ambiente.

Tradotto e semplificando un po’: mentre noi ci occupiamo di far crescere il sito, che abbia prestazioni eccellenti, che si posizioni su Google e delle relative strategie di marketing, la realtà che lo ospita consuma energia per consentire tutto questo. I nostri terminali si spengono alla fine della giornata così come l’impianto di illuminazione dell’ufficio dove lavoriamo, ma la struttura che ospita il sito (che è infatti sempre raggiungibile) no. Ed è quello di cui si occupano i cosiddetti server ecosostenibili.

Hosting sostenibile: cos’è, come funziona e cosa cambia

Al di là dell’aspetto prettamente terminologico il termine ecosostenibile è oggi impiegato in associazione alle questioni ambientali. Si parla di sostenibilità intendendo l’insieme di azioni e strategie atte a garantire il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente senza per questo compromettere la possibilità delle generazioni future di realizzare i propri (questa definizione è presente nel Rapporto Brundtland). La sostenibilità e l’ecosostenibilità sono quindi realtà molto più complesse del “semplice” problema dell’energia, dell’inquinamento e dei consumi.

Applicato al discorso che qui ci interessa si parla server sostenibile in relazione a quegli hosting che attuano politiche e strategie tali per ridurre i consumi e avere un impatto il più limitato possibile sull’ambiente.

Com’è si concretizza questa pregevole ambizione?

Un server è ecosostenibile quando attua uno o più di queste scelte:

  • Utilizzo di fonti di energia rinnovabile;
  • Impiego di dispositivi e tecnologie più efficienti, in grado di consumare meno e ottimizzare l’energia impiegata;
  • Smaltimento delle apparecchiature in ottica di riciclaggio e riduzione della dispersione nell’ambiente;
  • Riduzione delle emissioni di CO2;
  • Applicazione di una filosofia aziendale concentrata su politiche green.

Come si può facilmente intuire parliamo di obiettivi complessi e non facili da perseguire. Anche perché richiedono trasformazioni profonde e una prospettiva trasversale non concentrata su un singolo elemento. Anzi, potremmo dire che l’Hosting sostenibile è quello che ha una mentalità green e una visione ecologica tale da applicarla a ogni processo, fase ed elemento di gestione dei data center.

Quanto conviene l’Hosting sostenibile

Al di là della retorica e degli slogan che il più delle volte non aiutano la causa della tutela dell’ambiente è importante domandarsi se e quanto conviene la scelta di un Hosting sostenibile. La risposta non è immediata e probabilmente non solo economica. Una scelta di questo tipo, infatti, va misurata indubbiamente dal punto di vista dei costi (far quadrare i conti è sempre indispensabile) ma non è l’unico elemento di cui tenere conto.

Inoltre nella scelta di un Hosting sostenibile è necessario valutare sia gli aspetti tecnici di stabilità, sicurezza e performance, ma anche e soprattutto quali strategie ecologiche vengono messe in campo e quanto queste siano realmente in grado di ridurre l’impatto ambientale e quanto, invece, non siano solo di facciata per sfruttare un trend in forte crescita. Inoltre la convenienza di scelte di questo tipo passa anche dall’utilizzo di hardware e tecnologie di ultima generazione che uniscono il ridotto impatto ambientale a prestazioni nettamente superiori rispetto a quelle dei server tradizionali.

8 migliori Hosting sostenibile da prendere in considerazione

Anche alla luce di quello che abbiamo appena detto è utile confrontare quelli che sono i principali e più quotati e credibili hosting sostenibili. Oggi quelli più convincenti nella capacità di attuare politiche green sono:

  • Keliweb;
  • Seeweb;
  • Hosting Solutions;
  • DreamHost;
  • GreenGeeks;
  • Greenhost;
  • iPage;
  • SiteGround.

Keliweb

Uno dei migliori hosting sostenibili è italiano ed è Keliweb, una realtà dotata di ben due data center presenti sul territorio italiano e che, su una superficie di 500 metri quadri, ospitano più di 3000 server. Kaliweb è una delle realtà storiche e pioneristiche nello sviluppo di hosting ecosostenibili e persegue questo obiettivo grazie all’utilizzo di fonti di energie rinnovabili per l’alimentazione dell’intera struttura.

Seeweb

Il secondo hosting sostenibile da valutare è Seeweb. Anche in questo caso parliamo di una realtà completamente italiana e che è considerata un’azienda storica e ormai radicata non solo nel nostro Paese. I suoi data center, infatti, sono presenti sia in Italia (Milano, Sesto San Giovanni e Frosinone) che in Svizzera e Croazia e si contraddistinguono per un servizio cloud di grande efficienza, assistenza tecnica proattiva, un Service Level Agreement del 99.9% e diversi piani per soddisfare tutte le esigenze.

Hosting Solutions

Un’altra realtà italiana dotata di data center di proprietà è Hosting Solutions. Parliamo di un’azienda che offre hosting a prezzi davvero convenienti e che alimenta i propri data center (presenti a Firenze, Roma e Siziano) con fonti di energia rinnovabile. Tra gli aspetti interessanti di Hosting Solutions e che la rendono una realtà green a tutto tondo troviamo la collaborazione con Sea Shepherd per perseguire l’obiettivo di ripulire i mari del nostro Paese.

DreamHost

Ecologicamente parlando DreamHost ha uffici che utilizzano sistemi di illuminazione e riscaldamento a basso consumo e impianti di raffreddamento per i data center con elevate prestazioni. Inoltre l’alimentazione dell’intera struttura avviene da fonti esclusivamente rinnovabili e allo stesso tempo l’azienda collabora anche con programmi di incentivazione e diffusione dell’energia eolica. Questo è uno dei motivi che rendono DreamHost uno dei più interessanti hosting sostenibili e che dal punto di vista tecnico assicura opzioni di hosting condiviso, supporto H24, ampia personalizzazione e funzionalità di livello in termini di sicurezza.

GreenGeeks

Tra i più noti hosting sostenibili troviamo anche GreenGeeks, una realtà caratterizzata dall’acquisto di crediti di energia per pareggiare l’energia consumata per il mantenimento dei data center. Dal punto di vista tecnico GreenGeks si contraddistingue per la velocità dell’hosting anche grazie all’utilizzo di unità di ultima generazione. Sono disponibili tre diversi pacchetti (Light, Professionista e Premium) con costi, funzioni e prestazioni differenti.

Greenhost

Ad Amsterdam sorge il data center di Greenhost, una realtà completamente neutrale dal punto di vista di impatto climatico. Questo è possibile anche grazie a un sistema di flessibilità che adatta l’utilizzo dei server solo alle effettive necessità. Greenhost offre diverse soluzioni per lo sviluppo di siti e piattaforme online e sono disponibili tre diversi piani (Basic, Professional e Premium). Da segnalare la tipologia e la qualità dei livelli di sicurezza offerta dai server Greenhost.

iPage

Tra i migliori hosting sostenibili iPage è uno di quelli con i prezzi più convenienti e accessibili di tutti. La ragione è frutto della mission aziendale di supportare le piccole e medie imprese. Dal punto di vista ecologico iPage acquista certificati di energia rinnovabile che coprano il doppio dell’energia consumata. Inoltre i siti che girano su iPage possono ottenere un badge che mostra come quel sito sia ecologico e sostenibile. Tra le caratteristiche tecniche più rilevanti troviamo un nome di dominio completamente gratuito, spazio su disco e larghezza di banda illimitata così come supporto H24 e diverse funzionalità.

SiteGround

Tra gli aspetti che più depongono a favore di SiteGround c’è l’altissima soddisfazione dei clienti (che supera il 99%). Una realtà europea (la sede è in Bulgaria ma poi dispone di server in tutto il mondo) che offre serve per siti web, e-commerce e piattaforme cloud. I piani disponibili sono StartUp, GrowBig e GoGeek che differiscono non solo per il costo, ma anche per lo spazio a disposizione, le prestazioni e le funzionalità a disposizione. Nonostante di per sé SiteGround non si proponga come un Hosting sostenibile è una realtà che si impegna a ridurre a zero le emissioni inquinanti.

Non solo Hosting sostenibile: la responsabilità di ciascuno di noi

Consumare meno o consumare meglio? Una di quelle domande amletiche di difficile risposta. Ciò che è certo è che il ricorso a un Hosting sostenibile è solo uno degli elementi capaci di ridurre l’impatto ambientale che il mantenimento di una piattaforma web richiede. Ciascuno di noi, nei propri uffici e postazioni di lavoro e nelle scelte professionali ha il potere (e la responsabilità) di pensare in un’ottica di sostenibilità. Una scelta che ha a cuore l’ambiente e il futuro delle nuove generazioni, ma anche la possibilità di migliorare, risparmiare e ottimizzare lo sfruttamento energetico cui ciascuno di noi è direttamente coinvolto.

Good Working
Seguici
Nessun Commento

Lascia un commento...

Commento
Nome
Email
Sito web

Già che ci sono, voglio iscrivermi alla vostra newsletter!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Niente spam o pubblicità, solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te. Che aspetti? Iscriviti ora!
close-link