Come scegliere un hosting

Come scegliere un hosting, i parametri da valutare

Stiamo passando un’estate da record per quel che riguarda le temperature, un caldo spaventoso che sta mettendo alla prova la maggior parte di noi. Questa però non deve essere una buona scusa per starsene con le mani in mano perché tanto “ci penserò poi a settembre”.

Nel business online muoversi in anticipo rispetto ai competitor può essere l’arma vincente. In tal caso, parlando di web, individuare il piano hosting adatto per il tuo sito web può segnare la differenza per i tuoi affari.

Scelta dell’hosting, il passaggio fondamentale

Iniziare a lavorare su internet, o comunque creare il più semplice dei siti web, entrambe le cose comportano una scelta basilare: il piano hosting su cui far “ospitare” il sito.

Da questa decisione dipende sostanzialmente gran parte del tuo lavoro online. È grazie all’hosting, infatti, che il sito potrà godere di determinate performance (in termini di velocità) e che potrà essere affidabile e sicuro, elemento questo importantissimo se parliamo di un sito di E-Commerce in cui bisogna garantire la massima protezione per i dati dei clienti.

Scegliere quale hosting acquistare non è una cosa tanto semplice come potrebbe apparire a primo impatto. Bisogna infatti valutare una serie di parametri, una valutazione che deve essere fatta al fine di individuare la soluzione migliore.

Parametri da valutare

So che hai caldo e che vorresti mettere da parte la lettura di questo articolo, ma mi permetto di consigliarti di andare avanti, adesso arriva il bello… ovvero il concreto.

Abbiamo detto poco prima che per scegliere un hosting adatto per un sito web bisogna valutare alcune cose. Bene, adesso vediamo quali sono i parametri che devono essere analizzati:

  • Spazio disco
  • RAM a disposizione
  • Protocollo HTTPS
  • Protocollo HTTP/2
  • Numero di caselle e-mail
  • Dischi SSD
  • Database
  • Registrazione dominio inclusa
  • Backup automatico
  • Cron Job
  • Antivirus e Antispam

Come puoi vedere, si tratta di tutta una serie di risorse che devono necessariamente far parte del piano hosting che intendi acquistare.

Di tutte quelle elencate, ne voglio mettere in risalto 3:

  1. Dominio incluso: assicurati che il piano hosting includa la registrazione dominio, così da poter avere un effettivo risparmio a tutto vantaggio dell’acquisto dell’hosting. Se poi decidi di investire qualche soldino in più, allora ti consiglio di abbinare all’hosting un dominio con una delle nuove estensioni, grazie al quale potrai rendere chiaro il tuo ambito professionale.
  2. RAM: il quantitativo di RAM a disposizione comporteranno il livello di performance che il sito avrà. Per fare in modo che gli utenti abbiano con il tuo sito una piacevole esperienza di navigazione (in poche parole, tempi di caricamento minimi per le pagine del sito) e che Google ti tenga in ottima considerazione (la velocità di caricamento è un fattore di ranking in ottica SEO) è necessario acquistare un hosting che abbia un tot di RAM a disposizione.
  3. HTTPS: Quello che Google ha fatto lo scorso gennaio è stato compiere una vera e propria rivoluzione sul web. Il motore di ricerca ha infatti deciso di punire, in quanto non sicuri, tutti i siti che utilizzano HTTP, il vecchio protocollo utilizzato da milioni di utenti. Per garantire un alto livello di affidabilità, Google vuole che tutti i siti web passino alla connessione protetta HTTPS. Per avere questo protocollo di sicurezza, grazie al quale le comunicazioni viaggiano in modo criptato e perciò al sicuro da occhi indiscreti, è necessario che il piano hosting includa un Certificato SSL e un IP Dedicato.

Scegliere un buon hosting, i vantaggi per il tuo sito

È così, mio caro amico e lettore, abbiamo visto quali sono queste risorse che devono essere incluse nel tuo hosting. A questo punto, non ho dubbi, vorresti pormi la seguente domanda: perché è così importante acquistare un buon hosting?

Per rispondere al tuo (legittimo) quesito non mi perderò in ampollose spiegazioni che possono annoiarti e farti perdere interesse alla lettura. In maniera molto più sintetica e rapida, preferisco elencarti quelli che sono i vantaggi di cui usufruirai se non sbaglierai a scegliere il piano hosting:

  • Maggiore velocità del sito
  • Miglioramento dell’indicizzazione SEO
  • Aumento di visibilità per i contenuti del sito
  • Miglioramento dell’usabilità
  • Massimo livello di sicurezza per gli utenti
  • Sfruttare al meglio il CMS scelto per gestire il sito
  • Scegliere la versione di PHP
  • Modificare file di configurazione Php.ini
  • Assistenza professionale garantita dal provider
  • Possibilità di effettuare un upgrade di servizio
  • Gestione file .htaccess

Questi sono (alcuni) dei vantaggi che ti aspettano se sarai in grado di individuare la soluzione web hosting adatta al tuo lavoro online.

Stai alla larga dalle soluzioni gratuite

Una breve considerazione prima di concludere questo pezzo e di passare ai saluti. Se giri sul web, oltre alle varie proposte commerciali degli hosting provider troverai tante soluzioni hosting gratuite.

A questo punto, ti verrà spontaneo pensare “perché dovrei spendere soldi per un hosting quando potrei accapparrarmene uno gratuitamente?”.

Anche questa è una domanda legittima, ma posso risponderti in maniera ancora più breve dicendo non devi mai puntare su un servizio web hosting gratuito, nel modo più assoluto.

Vuoi sapere il perché?

  • Nessuna assistenza tecnica
  • Prestazioni mediocri
  • Tempi di caricamento lunghi
  • Nessun miglioramento dell’indicizzazione sul motore di ricerca
  • Impossibilità di garantire la sicurezza ai tuoi visitatori
  • Assenza dell’HTTPS

Mi pare che già questi siano motivi sufficienti per farti desistere dal compiere questa particolare scelta.

Per concludere

L’acquisto di un hosting rappresenta, al pari della registrazione dominio, il momento iniziale e più importante per il lancio di un nuovo progetto web. Punta sempre sulla qualità anche se magari ti troverai a spendere qualche euro in più.

Il mio consiglio è quello di iniziare dai piani economici e condivisi (hosting condiviso: in pratica, condividere le risorse di un server con altri utenti) per poi passare, una volta che il tuo sito sarà cresciuto, a soluzioni più preformanti come i piani semi-dedicati (Cloud Hosting) e le soluzioni dedicate (Server Dedicato).

Quello che sarà nel futuro si vedrà, per ora cerca di partire nel modo giusto anticipando i tuoi diretti concorrenti. Sviluppa subito il tuo business digitale, senza aspettare in panciolle che arrivi la frescura di settembre a rinfrescarti le idee.

 

Vincenzo Abate

Copywriter • Web Editor presso Keliweb.it

Giuseppe Barbagallo

Giuseppe Barbagallo

SEO Specialist e Co-Founder della web agency Good Working. Appassionato di informatica e tecnologia sin dai tempi del seggiolone. Si occupa di SEO e Web Design, soprattutto (e non solo) nel settore sportivo.
Giuseppe Barbagallo
Come scegliere un hosting, i parametri da valutare ultima modifica: 2017-08-09T09:00:58+00:00 da Giuseppe Barbagallo

Iscriviti alla Newsletter!

Niente spam e niente promozioni. Solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te. Ci stai?
Ok, mi iscrivo!
close-link