Storytelling

Storytelling: l’arte di scrivere le emozioni

Non possiamo fare altro che confermarlo in prima persona: le emozioni ci guidano. In base ad esse, possiamo fare un’azione invece che un’altra. Possiamo anche decidere di fare un acquisto oppure se affidarci a qualcuno o no. Non è così? È la verità. È scientificamente provato. È un dato di fatto. Lo storytelling è una delle tecniche che ci aiuta ad emozionare clienti, lettori e potenziali clienti. Pertanto, è il caso di scoprirne qualcosa in più, non credi?

Il primo posto dove dovremmo raccontare la nostra storia come brand, azienda, impresa o libero professionista, è decisamente la pagina “Chi siamo”. Tuttavia, il suggerimento è di utilizzare sempre questa strategia, ovvero anche nelle altre pagine e post del sito (con parsimonia e quando serve!).

Il motivo?

Le persone hanno bisogno di emozionarsi un po’ per fidarsi di te, di quello che fai, di quello che scrivi e di quello che offri.

Perciò, anche se la pagina “Chi siamo” fosse una delle più visitate del tuo sito web, se vuoi che una persona voglia tornare sulle tue pagine, che rimanga a leggere, che vada a guardare le tue offerte, che ti contatti per ottenere maggiori informazioni… l’arte di raccontare la tua azienda e di trasmettere emozioni deve far parte del tuo modo di gestire il tuo sito.

Ma quali sono i metodi per farlo al meglio?

Anche se non stiamo parlando di un libro, lo storytelling fa sempre la differenza

Ma se vuoi che funzioni, ti consigliamo di usare alcune tecniche vincenti!

Ma prima di passare ai fatti, vogliamo premettere una cosa importante: queste cose NON si imparano dal giorno alla notte. Per alcune persone è più facile, mentre per altre è difficile.

Perciò, potrai affidarti a qualcuno che scriva per te oppure sfruttare al meglio due delle tue risorse più preziose: il tempo e la pratica.

  • Non darti fretta e assimila le indicazioni che stiamo per darti
  • Poi, prova ad usare lo storytelling nel tuo blog personale o nel tuo sito aziendale
  • Leggi quello che hai scritto e fallo leggere a chi ti sta vicino
  • Fatti consigliare e continua

Chiedi cosa hai trasmesso con le tue parole e vedrai che pian piano riuscirai davvero a vedere la differenza: un testo che non comunica emozioni e non racconta nulla… non ci lega, non ci incuriosisce e non ci spinge ad affidarci a qualcuno o a qualcosa. Ma quando mettiamo la nostra personalità in quello che facciamo, la differenza si vede sempre!

Tuttavia, quando racconti la tua azienda, i tuoi servizi, i tuoi prodotti e/o te stesso, e persino ricordare che una storia che mostra solo ciò che accade al protagonista… è noiosa!

Quindi, parla anche di altri, racconta i casi di studio, parla delle persone che lavorano con te, di chi ti ha ispirato, di chi ti ha portato a diventare ciò che sei e a creare ciò che stai mostrando all’utente. Parla anche di elementi, di attività, degli ostacoli che hai incontrato e di come li hai risolti. Queste sono le cose che mantengono chi legge impegnato e interessato.

Un altro suggerimento è: scegli sempre il momento giusto!

In pratica, pagina “Chi siamo” a parte, dovrai pur raccontare qualcosa all’interno di altre pagine e di alcuni post del blog, giusto? Quindi, il consiglio da seguire consiste nel cercare di trasmettere le emozioni il più possibile e di raccontare qualcosa non appena si può… ma facendolo sempre e solo al momento giusto (nella pagina o post che lo consente) o, altrimenti, i lettori/clienti potranno perdere interesse.

Perciò, quando inserisci quella determinata storia ed emozioni, devi sentire di volerlo fare, è una cosa che ti deve venire spontanea e devi essere tu il primo a immaginare e ad a provare delle belle sensazioni mentre scrivi e mentre rileggi ciò che hai scritto. Se le tue parole e il tuo testo fanno questo effetto su di te, allora sei a cavallo!

Non dimenticare inoltre di adattare la narrazione e, in generale, anche il tono del tuo sito, modificando il tutto in base al tuo target.

Quanti anni ha il tuo potenziale lettore o cliente?

Sono uomini o sono donne?

Per ogni pubblico tutto è diverso: un “ciao” potrebbe diventare un rigoroso “buongiorno” e il “tu” potrebbe diventare un “voi” o un “lei”.

Ogni cosa va detta, raccontata e scritta nel modo giusto e in base alla persona che si trova di fronte alle tue pagine web.

Infine, ricorda che lo storytelling è una tecnica fatta di personalità. Pertanto, qualunque cosa tu scriva o vada a raccontare sul tuo sito aziendale, dovrà essere anche un po’ personale e mostrare il tuo lato umano. Naturalmente, ti consigliamo di utilizzare un linguaggio naturale: se ti sforzi per scrivere qualcosa in maniera troppo diversa da come la scriveresti tu o persino qualcosa che non vuoi raccontare, rischi di rendere la lettura più difficoltosa e forzosa per l’utente.

Qualche accortezza in più per uno storytelling perfetto

Quello che ti abbiamo appena detto, ti aiuterà a raccontare nel modo migliore e, provandoci, ti renderai conto che più è spontaneo, più funziona con chi legge.

Ad ogni modo, vogliamo darti qualche indicazioni in più.

Rendi la tua storia visiva! Al giorno d’oggi, la comunicazione visiva è un mezzo vincente. Perciò, uno storytelling che funziona, funziona ancora meglio se viene accompagnato da:

  • foto
  • disegni
  • grafici
  • video
  • infografiche

Questi elementi rafforzeranno il testo di base di ogni pagina, guida o articolo pubblicato sul tuo sito, ma naturalmente non dovrai neanche dimenticare l’importanza di:

  • leggibilità
  • grammatica
  • punteggiatura
  • ortografia
  • scorrevolezza del testo

Detto questo, non ti resta che iniziare a raccontare e a trasmettere le emozioni che il tuo specifico target vuole sentire

I tuoi potenziali clienti e utenti vogliono essere spronati a fare qualcosa di specifico?

Vogliono sentirsi più fiduciosi?

Desiderano trovare qualcuno che vive le loro stesse problematiche e che conosce una soluzione?

Vogliono capire con chi hanno a che fare?

Vogliono sapere se sei la persona giusta per la tua nicchia di mercato?

Qualunque sia la domanda e/o la risposta, ricorda sempre che chi approda sul tuo sito vuole trovare un’azienda, un professionista o una persona DIVERSA dalle altre.

Quella differenza lo aiuterà a restare, ad affidarsi e a fidelizzarsi.

Lo storytelling ti aiuta a fare questo e molto altro. Quindi, non sottovalutarne l’importanza e inizia a darti da fare. I risultati si vedranno in poco tempo!

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Niente spam o pubblicità, solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te. Che aspetti? Iscriviti ora!
Ok, mi iscrivo!

Per maggiori informazioni consulta la nostra INFORMATIVA PRIVACY

Storytelling: l’arte di scrivere le emozioni
5 (100%) 1 vote

Avatar for Susanna Soliman

Susanna Soliman

Scrittrice, copywriter e mamma a tempo pieno. Scrivo per passione, leggo per crescere e vivo di parole. Il mio motto è: #Love, #Live & #Write.
Avatar for Susanna Soliman
Nessun Commento

Lascia un commento...

Commento
Nome
Email
Sito web

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Sito web vecchiotto o invisibile su Google?

30 MINUTI DI CONSULENZA SEO GRATIS

Inserisci i tuoi dati per richiedere un'analisi GRATUITA del tuo sito web.
OK, VOGLIO LA CONSULENZA
Prima di inviare il modulo consulta la nostra informativa privacy.
close-link
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Niente spam o pubblicità, solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te. Che aspetti? Iscriviti ora!
Ok, mi iscrivo!
close-link

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull'uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Con la prosecuzione della navigazione oltre questa informativa acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la nostra informativa cookie.

Ehi, potrebbe interessarti anche...
come creare un blog con wordpress
Come creare un blog con WordPress in 4 mosse

Html? PHP? No, grazie! Questo è quello che pensano e dicono in molti e, fortunatamente, esistono i CMS che rispondono...

Chiudi