e-commerce in Italia

Luoghi comuni ed errori, ecco i limiti dell’e-commerce in Italia

A livello mondiale l’e-commerce si sta espandendo a ritmi sempre più forti, anche in mercati emergenti come la Cina: nel solo 2016, il commercio elettronico mondiale ha sfiorato i 2 mila miliardi di dollari, e un colosso come Alibaba, localizzato proprio nel Paese asiatico, evade ogni giorno 150 milioni di spedizioni. Una somma che, rapportata al contesto europeo, equivale alla spesa che potrebbero fare tutti i cittadini francesi e tedeschi riuniti.

Il boom di Amazon e Alibaba

Se Alibaba sta facendo registrare performance da record – in senso letterale: il fondatore del gruppo, Jack Ma, è entrato nel Guinness dei Primati perché è riuscito a guadagnare circa 3 miliardi di dollari in poche ore, grazie a uno straordinario balzo del titolo in Borsa – l’altro pilastro dello shopping online, in chiave Stelle e Strisce, non sta certo a guardare. Anche Amazon infatti continua a imporsi in tutto il mondo e anche in Italia, come testimoniano i trend di vendita dell’ultimo Black Friday, in cui l’azienda ha totalizzato oltre 2 milioni di prodotti soltanto lungo lo Stivale.

Poca Italia nell’e-commerce

Eppure, nel nostro Paese il ritmo di crescita continua a non essere all’altezza delle performance degli altri Stati, e più in generale l’e-commerce in Italia è ancora piuttosto limitato. Per fare solo un esempio, nel Vecchio Continente il volume globale delle vendite online ha raggiunto nel 2017 i 510 miliardi di euro, ma l’Italia contribuisce “solo” con 23, 6 miliardi di euro, nonostante un incremento di 17 punti percentuali rispetto all’anno precedente.

Piccoli segnali di crescita

Insomma, la crescita procede, ma non ai ritmi che era forse lecito attendersi; segnali positivi comunque ci sono, come quelli evidenziati lo scorso autunno, in occasione dello sciopero dei corrieri dello storico spedizioniere SDA che ha bloccato oltre 70 mila pacchi: ebbene, circa un terzo di questi era costituito proprio da prodotti acquistati online in attesa di consegna.

Le imprese non sbarcano online

Ma quali sono i limiti e gli ostacoli che stanno bloccando la diffusione dell’e-commerce nel nostro Paese? Secondo un’analisi eseguita dall’osservatorio Mpi di Confartigianato Lombardia, il primo fattore critico è la scarsa attenzione che le imprese italiane destinano alle attività sul Web, e in modo particolare l’assenza da parte delle piccole e medie aziende, che rappresentano la parte più consistente della nostra economia. Per quanto possa apparire assurdo, solo 7 imprese su 10 in Italia possiede un sito Web, mentre la media europea sfiora l’80 per cento.

Gli errori delle aziende

Errori anche nelle scelte strategiche degli imprenditori, che solo in 17 casi su 100 si affidano ai servizi di personale specializzato, mentre nella assoluta maggioranza dei casi restano convinti di potere sfruttare solo i canali tradizionali del commercio, limitandosi a improvvisare al momento dello sbarco in Rete. Lo dimostra anche il fatto che solo il 37 per cento delle aziende italiane ha attivato anche una pagina sui social oltre al portale, un canale di comunicazione e interazione che oggi è fondamentale.

Diffidenza e limiti

Incrociando questi dati con quelli più generali del “consumo” di Internet in Italia – che parlano di una navigazione che è quotidiana solo per il 69 per cento della popolazione (contro la media Ocse che è dell’84 per cento) e di una quota di un italiano su tre che ha fatto shopping online nel 2016 (anche qui la media Ocse è molto più alta, superando il 52 per cento) – si delinea un quadro di diffidenza verso la tecnologia, che si lega a filo stretto (anche) con le difficoltà tecniche e infrastrutturali.

Superare il digital divide

Non bisogna dimenticare infatti che il nostro Paese non ha ancora completato del tutto la cablatura del proprio territorio, con molte zone che restano escluse dalla Rete e vivono una nuova fase di digital divide. Qualcosa si sta muovendo in questa direzione, comunque, grazie anche alle mosse di operatori privati come Eolo: guardando la mappa della copertura Adsl fornita dal principale provider nazionale di connessione wireless via radio, si scopre che il servizio raggiunge ormai tutto il Nord e Centro Italia, compresi i piccoli Comuni che non sono coperti dalle infrastrutture tradizionali.

Luoghi comuni ed errori, ecco i limiti dell’e-commerce in Italia
Ancora nessun voto

Giuseppe Barbagallo

Giuseppe Barbagallo

SEO Specialist e Co-Founder della web agency Good Working. Appassionato di informatica e tecnologia sin dai tempi del seggiolone. Si occupa di SEO e Web Design, soprattutto (e non solo) nel settore sportivo.
Giuseppe Barbagallo
2 Commenti
  • Avatar for Giuseppe Lazzarini
    Giuseppe Lazzarini
    Rispondi
    Posted at 17:13, 12 dicembre 2017

    RO.PO. Research online, purchase offline

Lascia un commento...

Commento
Nome
Email
Sito web

Vuoi iscriverti alla nostra newsletter?

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Niente spam o pubblicità, solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te. Che aspetti? Iscriviti ora!
close-link
Messenger icon
Chatta con noi!

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull'uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni, consulta l'informativa cookie.

Altro in: e-commerce
e-commerce in Italia 2017
Qual è lo stato di salute dell’e-commerce in Italia?

Chiudi