digital nel settore food

L’importanza del digital per la ripresa nel settore food

Fino agli inizi del 2020 il mondo della ristorazione viveva un momento di espansione. Poi è arrivata la pandemia ad assestare un durissimo colpo a tutti, in particolar modo a ristoranti e bar. Questo “incidente” di percorso, in alcuni casi è costato il ridimensionamento delle attività (leggere riduzione dei posti di lavoro), in altri la definitiva chiusura.

Lo scorso maggio la FIPE-Confcommercio (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) ha pubblicato il Rapporto Ristorazione 2020 e i dati sono impressionanti. Come si legge sul loro sito “In 14 mesi sono stati bruciati il doppio dei posti di lavoro creati tra il 2013 e il 2019, l’incertezza è diventata il sentimento prevalente e lo dimostra la riduzione del 50% del numero di nuove attività avviate nell’anno.”

Quello che emerge è sì un quadro negativo, ma in cui trova ancora posto la speranza. Sono molti i ristoratori che non si danno per vinti e confidano in una ripresa del settore “La filiera prova a guardare al futuro: il rilancio del settore, secondo gli esperti, passerà da un potenziamento dei servizi digitali, food delivery in testa, e da una maggior attenzione su qualità dei prodotti, originalità nell’offerta, marketing e sostenibilità.”

Oggi più che mai, quindi, tu che hai un ristorante, un bar o un qualsiasi altro locale di food ‘n’ beverage devi guadare e abbracciare il mondo del digital come un valido alleato per recuperare il terreno perso. Non sarà facile, ma il graduale allentamento delle misure restrittive deve caricarti di ottimismo e spingerti a metterti all’opera non solo per offrire il miglior servizio possibile ai tuoi clienti, ma anche per comunicarlo a tutti quelli che ancora non ti conoscono.

Il digital marketing per tornare a riempire i tavoli

Siamo tutti d’accordo che comunicare online in questo frangente storico ha assunto un ruolo ancora più importante. Tutti chiusi in casa tra restrizioni e paure, per raggiungere le persone e instaurare un dialogo con loro non restano molte opzioni e il web è una delle poche finestre sempre aperte. Come prevedibile, infatti, la rete è divenuta il “luogo” più affollato sul pianeta. E tu, con la tua attività di food, non puoi mancare.

Da anni gli esperti di digital e social ripetono che avere un business senza metterlo online equivale a non farlo esistere e se era vero fino a una manciata di mesi fa, adesso lo è ancora di più.

Leggi anche:  Aumenta le vendite con il remarketing dinamico Google Ads

Per tornare ad avere le sale e i banconi pieni di gente, leggi e decreti permettendo, devi metterti in gioco e farti vedere.

Essere presente online è la chiave di volta per accorciare le distanze con i tuoi clienti e per incontrarne di nuovi.

Quali risorse digital deve avere la tua attività

Immancabile per il tuo ristorante è il sito web. Punto di riferimento a disposizione dei tuoi clienti, sempre pronto per essere consultato quando ne hanno bisogno, ma anche per condividerlo con coloro ai quali vogliono consigliare la tua attività. Il sito, non dovremmo neanche dirlo, deve essere sempre aggiornato. Cambia il menu? Si aggiorna il sito. Cambiano gli orari o i giorni di apertura e chiusura? Si aggiorna il sito. E così di seguito per tutte le informazioni indispensabili.
Un gradito plus in questo momento è mettere in evidenza tutte le misure che prendi per garantire sicurezza e serenità ai tuoi clienti.

Altra risorsa fondamentale è una curata e dettagliata scheda di Google My Business. Farti trovare da chi, magari di passaggio, si trova nei dintorni del tuo ristorante, ha fame e interroga il motore di ricerca più usato di sempre per sapere dove mangiare, è un’occasione che non puoi proprio sprecare. Quest’azione, più complicata a parole che nei fatti, si chiama Local Search e se il tuo locale non la mette a disposizione te ne pentirai.
Se non fosse già abbastanza, su Google My Business puoi condividere aggiornamenti con post e fotografie, proprio come sei abituato a fare sugli altri social.

A braccetto con queste due, nel mondo del food, ci va Tripadvisor. Piattaforma nata nel 2000 e dedicata a viaggi, ristoranti, alberghi e b&b. Quando si tratta di mangiare e dormire fuori, anche nei dintorni di casa, molte persone cercano proprio qui. Meglio esserci.

Immancabili, infine, i classici Facebook e Instagram. In entrambi devi aprire e gestire una pagina (Facebook) e un profilo (Instagram) aziendali da collegare tra loro. Le risorse business danno modo di creare campagne pubblicitarie e di avere sotto mano strumenti di misurazione e analisi per valutare l’andamento delle performance dei contenuti che pubblichi.

Per quanto riguarda Google My Business, Tripadvisor e Facebook, non dimenticare l’importanza delle recensioni. Sono un ottimo strumento di ascolto e ti permettono di studiare il sentiment dei tuoi clienti, di creare un rapporto di fiducia e di mettere una pezza su una possibile situazione andata male. Rispondi sempre, con garbo ed educazione e cerca di essere disponibile, ma ricorda che esiste anche chi recensisce negativamente delle attività senza motivi fondati. In ogni caso, mantieni il controllo della situazione.

Elisa Pizza
Nessun Commento

Lascia un commento...

Commento
Nome
Email
Sito web

Già che ci sono, voglio iscrivermi alla vostra newsletter!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Niente spam o pubblicità, solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te. Che aspetti? Iscriviti ora!
close-link

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni consulta l’informativa cookie.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.