pagina aziendale LinkedIn

Gestire una pagina aziendale su LinkedIn in 7 mosse

Esistono tanti social network. Se ne possono trovare a bizzeffe, basta navigare per il web per individuare un numero vastissimo di piattaforme. Quando però si ragiona in termini professionali, non è possibile prendere in considerazione tutti i social esistenti. Una strategia ben definita deve prevedere l’utilizzo di pochi canali, quelli realmente in linea con il progetto in questione: LinkedIn rappresenta senza dubbio una delle opzioni più importanti.

LinkedIn, il social dei professionisti

Prima di entrare nel dettaglio dell’utilizzo in ottica marketing, cerchiamo di dare qualche indicazione sul social. LinkedIn viene considerato, soprattutto dagli addetti ai lavori, il Social Media più “serio” e indicato per le aziende.

Nato come spazio dedicato al business, LinkedIn si è costruito negli anni la fama di spazio ideale per specialisti in cerca di visibilità e di nuove occasioni di lavoro.

Non c’è voluto molto tempo per convincere le aziende a sbarcare su LinkedIn. Essendo una vetrina lontana da una certa tipologia di comunicazione molto easy (per intenderci, quella in voga su Facebook), il social del business è diventato la piattaforma ideale per aziende e imprese in cerca di notorietàclienti e nuovi collaboratori da contattare per eventuale inserimento in organico.

Come ottimizzare una pagina aziendale

Così come successo per gli altri social, anche LinkedIn non è rimasto fermo nel tempo. In questi ultimi anni, infatti, il social dei professionisti è cambiato tantissimo. Un processo di evoluzione che ha reso la piattaforma più intuitiva e completa, anche se per alcuni aspetti troppo simile a Facebook (cosa che ha fatto storcere il naso ai puristi del settore).

Bisogna però fare i conti con la realtà: il modello Zuckerberg ha sbancato e domina l’intero “palinsesto digitale”, perciò era inevitabile che la concorrenza (per poter continuare a esistere) ne prendesse spunto.

Come accade su Facebook, anche su LinkedIn è possibile creare delle pagine aziendali con cui portare avanti l’attività di un’impresa sul social.

Di seguito forniamo 7 suggerimenti per una gestione ottimale di una pagina, così da permettere a un Brand di conquistare spazio e considerazione sulla piattaforma.

#1. Immagine profilo

L’immagine profilo di una pagina, così come di un profilo privato, può essere intesa come il biglietto da visita con cui un soggetto si presenta agli iscritti. Ragionando in quest’ottica, appare chiaro come un’azienda non possa permettersi di dare un’idea “scialba” di se stessa.

È necessario quindi inserire un’immagine di alta qualità, ben fatta dal punto di vista grafico e che rispetti l’identità stessa dell’azienda. È consigliato utilizzare il logo ufficiale, magari rivisitato con un tocco più professionale rispetto alla versione utilizzata nelle altre piattaforme.

Come inserire l’immagine profilo? Basta cliccare nella sezione Panoramica sulla pagina aziendale, poi digitare sulla piccola matita blu posizionata accanto al nome dell’azienda. Carica l’immagine e salva le modifiche digitando su Pubblica.

linkedin carica logo

#2. Chi siamo

La pagina Chi siamo è uno dei tasselli più importanti in un sito web e allo stesso modo lo è per una pagina LinkedIn. Inserire le informazioni base dell’azienda è necessario per permettere ai tuoi collegamenti di farsi un’idea chiara su di essa. Il segreto per scrivere un Chi siamo accattivante è mantenere un equilibrio tra l’aspetto formale (tipico di LinkedIn) è un’aria un po’ più sbarazzina, che tenda a empatizzare con il pubblico.

Questa è la sfida per chi deve gestire LinkedIn: saper bilanciare al meglio il lato freddo e professionale con quello più umano e diretto. Il testo deve essere snello e, allo stesso tempo, ricco di informazioni per dare un’idea immediata sul tipo di lavoro svolto.

Per scrivere il Chi siamo della pagina, basta andare nella sezione Panoramica e scorrere in basso fino a veder comparire l’apposita sezione.

linkedin chi siamo

#3. Piano editoriale

Per gestire al meglio una pagina aziendale su LinkedIn c’è bisogno di una preparazione, di un piano, di un’idea ben precisa sul tipo di attività da svolgere. Non si può lasciare tutto al caso pubblicando aggiornamenti senza una strategia chiara e strutturata.

Occorre quindi ragionare sulla creazione di un calendario editoriale per LinkedIn, in modo da organizzare l’attività e far percepire al pubblico un ordine dietro la condivisione dei contenuti.

#4. Interazioni

Una delle mansioni più importanti , spesso sottovalutate nel settore business, è l’interazione con gli utenti. Anche su LinkedIn, così come sugli altri social, devono essere curate in maniera continuativa le interazioni con chi lascia commenti o invia messaggi privati.

Ogni interazione, anche quelle apparentemente meno interessanti, devono avere una risposta. Il rapporto diretto con il pubblico consente di veicolare dei messaggi e spingere, in modo delicato e poco aggressivo, gli utenti a compiere un’azione (questo tipo di attività viene definita Comment Marketing).

#5. Menzioni e hashtag

Così come accade su Facebook (come vedi, sono tante le somiglianze tra i due social), anche su LinkedIn vengono utilizzate le menzioni, utilissime per aumentare la popolarità del Brand (menzionandolo anche con il proprio profilo privato in discussioni a tema o in gruppi dedicati al settore).

Per quel che riguarda gli hashtag, sono sempre stati considerati inutili all’interno di LinkedIn e più adatti a piattaforme come Twitter e Instagram. Le cose sono cambiate nel corso degli ultimi anni: adesso è proprio il social dei professionisti a suggerire gli hashtag da inserire a seconda del tipo di contenuto.

#6. URL pubblico

Ogni pagina sui social ha un suo “indirizzo”, un nome da inserire nella barra del browser che entrerà nella memoria degli utenti e che potranno così raggiungerti in modo più semplice e immediato. Spesso, però, ci si tira la zappa sui piedi da soli scrivendo un URL pubblico complicato e troppo lungo.

Per evitare questo, è consigliabile usare come URL solo il nome del Brand o comunque una formula breve, semplice da ricordare e anche da scrivere.

Come scrivere l’URL pubblico della pagina? Vai nella sezione in alto a destra Strumenti per amministratore, dopodiché apri il menù a tendina e clicca su URL pubblico.

linkedin url pubblico

Comparirà una piccola schermata in cui potrai inserire il nome della tua pagina dopo l’indirizzo standard www.linkedin.com/company in un apposito riquadro.

linkedin url pubblico company

#7. Settori di competenza

Altro consiglio per gestire al meglio una pagina aziendale su LinkedIn: inserire i settori di competenza, per fornire agli utenti delle indicazioni chiarissime sulla tipologia di contenuti proposti.

Bisogna sempre tener presente che siamo su un social professionale, in cui aziende e professionisti cercano di mettersi in mostra, di ampliare il proprio bacino d’utenza e di trovare nuovi collaboratori. È necessario fornire quante più indicazioni possibili per chiarire ogni eventuale dubbio sulla natura dell’impresa.

Come inserire i settori? Non devi far altro che entrare nella sezione Panoramica e scorrere la pagina, sotto il Chi siamo troverai Settori di competenza, con i suggerimenti che ti aiuteranno a individuare i termini giusti da inserire.

settori di competenza Linkedin

Perché utilizzare LinkedIn

Fino a qui abbiamo elencato tutte le soluzioni da applicare per una corretta gestione di una pagina aziendale. Seguendo i nostri consigli, l’attività social su LinkedIn inizierà a fornire quei vantaggi che solo una piattaforma interamente dedicata al business è in grado di fornire.

Ma perché è opportuno includere LinkedIn all’interno di una strategia di Social Media Marketing? I motivi possono essere tanti, alcuni già citati nell’articolo. Facciamo un riepilogo generale sui benefici per le aziende che creano e gestiscono una pagina LinkedIn:

  • Aumento della popolarità del Brand
  • Venire in contatto con i professionisti del settore
  • Partecipare a gruppi specializzati
  • Trovare nuovi collaboratori
  • Incrementare il traffico qualificato verso il sito web
  • Posizionare l’azienda in un determinato contesto professionale
  • Entrare in contatto con nuovi potenziali clienti
  • Diversificare la comunicazione rispetto ad altre piattaforme
  • Fare attività di Content Marketing definita in funzione di un obiettivo e di un target ben preciso

Per concludere

LinkedIn è cambiato tanto nel corso degli ultimi anni, ma rappresenta ancora una soluzione vantaggiosissima per le aziende.

Se stai quindi pensando di definire una strategia aziendale di Social Marketing, sappi che lasciare fuori LinkedIn ti preclude tante opportunità. Non perdere questa occasione, porta il tuo business sul social dei professionisti e diventa un punto di riferimento all’interno del tuo settore.

Hai qualche ulteriore suggerimento per la gestione di una pagina LinkedIn? Scrivici nei commenti.

Gestire una pagina aziendale su LinkedIn in 7 mosse
4 (80%) 4 votes

Vincenzo Abate
Seguimi

Vincenzo Abate

Laureato in Filosofia e Scienze Umane, è da sempre un grande appassionato di scrittura creativa e di letteratura. Ha collaborato (e collabora) anche con diverse aziende come blogger, copywriter e social media manager. Ha pubblicato diversi libri, sia in formato cartaceo che in ebook, con diverse case editrici e anche con il servizio di autopubblicazione YouCanPrint.
Vincenzo Abate
Seguimi
Nessun Commento

Lascia un commento...

Commento
Nome
Email
Sito web

Vuoi iscriverti alla nostra newsletter?

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Niente spam o pubblicità, solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te. Che aspetti? Iscriviti ora!
close-link
Messenger icon
Chatta con noi!

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull'uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni, consulta l'informativa cookie.

Altro in: LinkedIn
Come scoprire quante volte una pagina Web è stato condivisa sui Social (copertina)
Come scoprire quante volte una pagina Web è stata condivisa sui Social

Chiudi