Truffe via email - Come riconoscere un tentativo di phishing (copertina)

Truffe via email: come riconoscere un tentativo di phishing

Virus informatici, furti di identità, compravendita di dati degli utenti. I pericoli della Rete sono tanti e tutti diversi tra loro, ma ce n’è uno che sembra essere diventato il preferito dei malintenzionati del Web: il cosiddetto phishing.

Come è possibile apprendere dal sito dell’Enciclopedia Treccani, con il termine phishing si intende:

“Una frode informatica finalizzata all’ottenimento di dati personali sensibili e perpetrata attraverso l’invio di un messaggio di posta elettronica a nome di istituti di credito, finanziarie, agenzie assicurative, in cui si invita l’utente, generalmente al fine di derubarlo, a comunicare tali informazioni riservate.”

Chi ricorre all’uso del phishing, dunque, conta sulla leggerezza con cui molti utenti utilizzano la rete Internet ed i servizi ad essa collegati.

In questo articolo scopriremo quali sono i 3 elementi che è necessario controllare ogni volta che si riceve una mail sospetta, così da scongiurare ogni possible rischio di truffa.

Sembra PayPal, ma non è. Serve a toglierti l’allegria! [semi cit.]

Giorni fa, mentre ero in giro per lavoro, ho ricevuto questa mail nella mia casella di posta elettronica:

PayPal - Email Phishing

Passato lo spavento iniziale, ho cominciato ad esaminare i singoli elementi dell’allarmante missiva. Un’attività, questa, che nel giro di pochi minuti mi ha permesso di certificarne l’inattendibilità.

Vi spiego cosa ho analizzato e quali ragionamenti ho fatto…

L’indirizzo email del mittente

Il primo elemento ad aver colpito la mia attenzione è stato l’indirizzo email del mittente, ovvero quell’info@kikirikistore.nl intrappolato tra “<” e “>”.

PayPal - Mittente

È altamente improbabile, infatti, che una comunicazione di PayPal possa provenire da un indirizzo tanto bizzarro. Tale incongruenza, dunque, ha acceso in me un primo campanello d’allarme, portandomi a dubitare della genuinità di quanto stavo leggendo.

Il testo della mail

Ad alimentare ulteriormente i miei sospetti ci ha pensato il testo della mail, tristemente caratterizzato da una sintassi ed un uso della punteggiatura a dir poco imbarazzanti…

PayPal - Testo

Non ci vuole molto a capire che un servizio del calibro di PayPal non invierebbe mai comunicazioni tanto pastrocchiate. Indi per cui, l’autore della mail non poteva che essere un soggetto terzo.

I link in uscita

Ultimi, ma non meno importanti, i link in uscita, i quali rimandavano a domini che nulla c’entrano con PayPal.

PayPal - Link

Un fattore, questo, che mi ha convinto a classificare definitivamente il messaggio di posta come inattendibile e truffaldino.

Fidarsi è bene, non fidarsi è molto bene!

In questo articolo abbiamo visto 3 elementi che possono aiutarci a capire se una email è affidabile o meno, ma in realtà questi sarebbero potuti essere molti di più.

In generale, ogni volta che si ha a che fare con un messaggio di posta elettronica dall’aria sospetta, è bene prendersi un minuto ed investirlo nell’analisi degli elementi che lo compongono.

Chi confeziona mail di phishing, infatti, diventa sempre più scaltro e raffinato e, se non vogliamo rischiare di ritrovarci in guai seri, dobbiamo abituarci a fare lo stesso.

Alla prossima!

Avatar for Simone Bennati
Seguimi

Simone Bennati

34 anni portati splendidamente. Egotista. Croccante fuori e morbido dentro. Scusate se sono stronzo, ma avete cominciato prima voi.
Avatar for Simone Bennati
Seguimi
Truffe via email: come riconoscere un tentativo di phishing ultima modifica: 2017-10-19T09:00:56+00:00 da Simone Bennati
Nessun commento

Lascia un commento...

Commento
Nome
E-mail
Hai un sito web?

uno × tre =

Iscriviti alla Newsletter!

Niente spam e niente promozioni. Solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te. Ci stai?
Ok, mi iscrivo!
close-link