Instagram Stories

Come rendere interessanti (ed efficaci) le tue Instagram Stories

Nel corso dell’ultimo paio d’anni, il potente binomio Facebook-Instagram ha “strappato” una funzionalità particolare dalle mani di Snapchat per farne un tassello fondamentale all’interno delle proprie piattaforme. Stiamo parlando delle Stories che, al di là di ogni più rosea previsione, stanno avendo un grande successo anche in ottica aziendale. Difficile spiegare il perché di questo trionfo, eppure è così. In men che non si dica, da semplice funzionalità adatta per contenuti “simpatici”, le Stories sono diventate strumenti eccezionali per raggiungere gli obiettivi di business.

Stories di Instagram, cosa sono

Detto che le Stories sono presenti anche su Facebook, è su Instagram che questa funzionalità ha trovato il proprio habitat naturale. Un clamoroso successo che ora anche Google sta tentando disperatamente di seguire (sono infatti appena arrivate le Stories su YouTube). Se però sul sito di sharing video le Stories possono essere utilizzate solo da chi ha un certo numero di iscritti, su Instagram la situazione è molto più democratica: tutti possono creare storie.

Le Stories sono che brevi contenuti che rimangono sulla piattaforma per sole 24 ore e che spesso vengono utilizzate per avvicinare il pubblico a un Brand (o a un profilo) donando piccoli sprazzi dell’attività quotidiana, come il dietro le quinte o scatti di momenti privati.

Utilizzate soprattutto da quei personaggi con un ampio seguito, le Stories hanno conquistato nel giro di qualche mese un livello d’attenzione davvero incredibile. Tutto questo ha portato alla decisione del social di poter creare delle Stories Ads, ovvero passare post sponsorizzati all’interno delle storie.

Come creare storie intriganti

Così come accade in tutte le altre piattaforme, ogni contenuto da sponsorizzare deve essere ben strutturato. Non basta infatti investire un po’ di soldi se poi il contenuto (in questo caso, la storia) non è ben realizzata o comunque non appare interessante agli occhi del pubblico che dovrà visualizzarla.

Perciò, prima di iniziare a creare campagne Instagram Stories Ads, occorre vedere come rendere le storie più intriganti.

#1 Immagini di qualità

Molto spesso nelle Stories vengono usati dei brevi video, così come anche delle immagini scattate in momenti particolari o create per l’occasione. Che si tratti di video o immagini, l’importante è che si punti su un livello qualitativo dell’immagine abbastanza soddisfacente. Non dico che bisogna avere la massima risoluzione, ma quantomeno occorrerebbe evitare di presentare una storia con una pessima qualità del contenuto visivo. Va bene il “dietro le quinte”, ma evitiamo di dare l’idea di “bettola”.

#2 Contenuto breve e chiaro

Se decidi di inserire un breve video, potresti anche evitare di introdurre porzioni di testo (anche se un minimo lo consiglio sempre). Se invece vuoi creare (e magari sponsorizzare) una storia fatta da un’immagine, allora fai in modo che in essa sia presente un contenuto testuale che dia un’indicazione precisa con pochi caratteri. Ci vuole un lavoro di copy di alto livello per fare in modo che una manciata di parole riescano a comunicare al pubblico benefici e vantaggi.

#3 Uso di hashtag e menzioni

A differenza di Facebook, dove l’abitudine l’utilizzo degli hashtag sta ormai tramontando, Instagram rappresenta  ancora oggi la “casa ideale” di hashtag e menzioni. Nelle Instagram Stories si possono anche inserire questi riferimenti in maniera stilizzata (basta dare un’occhiata alle diverse cosette che il social ci permette di mettere all’interno della storia). Tagga il personaggio o l’azienda di cui parli, inserisci la calamita per attirare il pubblico adatto.

#4 GIF

Altro elemento interessante che possiamo utilizzare nelle Stories sono le GIF, molto in voga soprattutto negli ultimi mesi (basta vedere come Facebook abbia dato maggiore spazio a quest’elemento, ora utilizzabile anche nei commenti e su Messenger). Una GIF può dare maggiore espressività alla storia, rendendola più simpatica e rafforzando il concetto espresso. Bisogna però tenere in considerazione per cosa si sta creando la storia. In ottica aziendale, infatti, sarebbe meglio evitare di usare elementi del genere, tranne se non si sta puntando su un contenuto easy.

#5 Qual è l’obiettivo?

Prima di creare qualunque tipo di contenuto, comprese le Stories, bisogna definire un obiettivo ben preciso e poi lavorare su quello. A seconda dell’obiettivo svilupperai la composizione della storia. Una storia lanciata per attività di Branding dovrà essere strutturate in un certo modo, magari con la presenza di elementi colorati e con forti contrasti di colore. Se invece si sta realizzando un contenuto indirizzato alla vendita, meglio optare per uno stile minimal chiaro e diretto, in cui emergano solo gli elementi davvero importanti.

#6 Non creare un mappazzone

Chiunque abbia seguito qualche puntata di MasterChef Italia avrà ascoltato l’espressione “mappazzone” utilizzata spessissimo dallo chef Barbieri. Con questo termine s’intende un piatto pasticciato, con una forma caotica, esagerato nelle porzioni e brutto da vedere. Allo stesso modo, le Stories di Instagram devono essere sviluppate secondo questo criterio. Vietato quindi presentare un’accozzaglia abnorme di elementi, dai la massima attenzione nella composizione del contenuto.

#7 Invito all’azione

Come detto in un punto precedente, ogni storia deve avere un obiettivo. Per raggiungere migliori risultati in tal senso, e avvicinarsi così all’obiettivo, è buona abitudine inserire delle call to action chiare e ben visibili all’interno del contenuto. In tal caso, ti è richiesto uno sforzo di fantasia: fai in modo che il tuo invito all’azione non venga percepito come forzato, ma sia visto come un elemento perfettamente coordinato con tutti gli elementi presenti.

Cosa possono dare le Stories alla tua strategia di Social Marketing

La decisione di inserire le Stories all’interno della propria Social Strategy deve essere presa dopo un’attenta analisi. Usarle, sì, ma solo a patto che si riesca a mantenere una certa costanza. Le Instagram Stories ti daranno la possibilità di diversificare la comunicazione, distanziandoti così dal formalismo tipico di LinkedIn (che sta conquistando anche Facebook) e dall’estrema brevità dei tweet.

Instagram è una piattaforma che, fino a qualche mese fa, aveva un enorme successo tra i giovanissimi. Ora, invece, il target è estremamente più vasto: professionisti, influencer, aziende e i più grandi Brand in circolazione sono ormai presenti su questo Social Media.

Con le Stories potrai dunque fornire al tuo pubblico un punto di vista differente, presentandoti sotto una veste ben diversa rispetto a come gli utenti sono abituati a vederti. Un’ottima occasione per rendere il tuo Brand più “umano” e vicino al pubblico, arrivando così all’abbattimento di ogni distanza tra azienda e pubblico. Una scelta che porterà solo grandi vantaggi.

Rendi il tuo Brand diverso dagli altri

Se fino a questo momento non avevi mai preso in considerazione l’uso delle Stories, magari per una sorta di snobismo personale, preparati a cospargerti il capo di cenere e a inginocchiarti sui ceci. Anche se il più delle volte lanciarsi nell’ignoto fa paura, in questo caso puoi stare tranquillo e iniziare a metterti all’opera con questo formidabile strumento.

Attraverso le Instagram Stories potrai avvicinarti al pubblico (come detto nel paragrafo precedente) e, soprattutto, personalizzare la tua comunicazione online.

Una grande opportunità per rendere il tuo Brand diverso rispetto ai diretti competitor!

Per concludere

Hai snobbato le Stories e ti sei accorto di aver commesso un grave errore? Bene, dopo la penitenza descritta qualche riga più in su preparati a implementare questa funzionalità all’interno della tua strategia di Social Media Marketing, tracciando un sentiero totalmente diverso rispetto a ogni altro canale.

Inizia a personalizzare le tue Instagram Stories per renderle grandi strumenti di marketing. Sei pronto?

Come rendere interessanti (ed efficaci) le tue Instagram Stories
5 (100%) 6 votes

Seguimi

Vincenzo Abate

Laureato in Filosofia e Scienze Umane, è da sempre un grande appassionato di scrittura creativa e di letteratura. Ha collaborato (e collabora) anche con diverse aziende come blogger, copywriter e social media manager. Ha pubblicato diversi libri, sia in formato cartaceo che in ebook, con diverse case editrici e anche con il servizio di autopubblicazione YouCanPrint.
Vincenzo Abate
Seguimi
Nessun Commento

Lascia un commento...

Commento
Nome
Email
Sito web

Vuoi iscriverti alla nostra newsletter?

INSTAGRAM NEWSLETTER

Se ami INSTAGRAM, iscriviti alla nostra Social Newsletter e ricevi le ultime news dal mondo dei social media. Niente spam o pubblicità, solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te. Che aspetti? Iscriviti ora!
close-link

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni consulta l’informativa cookie.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.
Altro in: Instagram, social media
Come aumentare seguaci Instagram
Come aumentare i seguaci su Instagram: 15 metodi infallibili

Chiudi